1° FESTIVAL INTERNAZIONALE "IL ROSETO DELLA MUSICA"
Data: 18/07/2015

1° FESTIVAL INTERNAZIONALE "IL ROSETO DELLA MUSICA"

Masterclass e Concerti, ideato e realizzato dall’Associazione Culturale D.I.M.A

Comunicato stampa comune di Bucine:

1° FESTIVAL INTERNAZIONALE "IL ROSETO DELLA MUSICA" A SAN PANCRAZIO

Dal 13 al 18 luglio prossimo, il Centro Interculturale Don Giuseppe Torelli e Museo della Memoria di San Pancrazio, nel Comune di Bucine, ospiterà il 1° Festival Internazionale IL ROSETO DELLA MUSICA – Masterclass e Concerti, ideato e realizzato dall’Associazione Culturale D.I.M.A. – DoReMi International Music Academy di Arezzo e l’Amministrazione di Bucine.

Il Festival, articolato in una Masterclass e quattro concerti che si svolgeranno in alcune delle località più affascinanti del territorio della Valdambra, rientra nel progetto dell’Accademia D.I.M.A. di Arezzo, con sede in Santa Maria delle Grazie (AR) e diretta dal maestro argentino Omar Cyrulnik, AREZZO NEL MONDO, che ha già portato a importanti accordi istituzionali tra la giovanissima realtà aretina e Istituzioni quali il Conservatorio Statale di Musica “B. Maderna” di Cesena, U.N.A. – Universidad de Las Artes di Buenos Aires (Argentina), l’Università di Playa Ancha di Valparaiso e la Corporación Cultural Viña del Mar (Cile), sotto la cui egida si svolge il Concurso Internacional de Interpretacion Musical “Dr. Luis Sigall", il più importante concorso musicale in America Latina.

Le Masterclass saranno tenute da musicisti di fama internazionale e docenti in prestigiose Istituzioni Europee e Latinoamericane: per la chitarra Luc Vander Borght (Belgio), docente all’Academie de Musique “Ranieri III” del Principato di Monaco; Omar Cyrulnik (Argentina), docente alla U.N.A. – Universidad de Las Artes di Buenos Aires; Giorgio Albiani (Italia), docente al Conservatorio Statale di Musica “B. Maderna” di Cesena. E ancora: per la musica antica, liuto, tiorba e chitarra barocca Monica Pustilnik (Argentina), docente all’E.S.M.U.C di Barcellona (Spagna) e per il violino Louis Denis Ott (Francia), docente di violino all’Academie de Musique “Ranieri III” del Principato di Monaco.

Il Concerto di Apertura del Festival IL ROSETO DELLA MUSICA si svolgerà lunedì 13 luglio alle ore 21.30 in San Pancrazio, Bucine (AR); la serata sarà curata dai docenti dell’Accademia D.I.M.A. di Arezzo. Si esibiranno Giulio CUSERI al clarinetto in duo con Roberto ROSSI, il Duo BRANDINI-IELO, l’ensemble di chitarre QUARTETTO MACRAME’ (Giordano Brandini, Antonino Ielo, Serena Meloni, Roberto Rossi) e Gilberto RUSSO.

Il 15 luglio alle 21.30, all’Anfiteatro di Bucine, sarà il Duo TanGO – Omar CYRULNIK e Giorgio ALBIANI, chitarre, a presentare il tango e la musica popolare argentina con “VERDEMAR: la musica degli italiani in Argentina”.

I concerti proseguiranno poi nella serata di giovedì 16 luglio, sempre alle ore 21.30, ad Ambra alla Via del Castello: FANTASIE E DANZE ITALIANE TRA SPAGNOLE E NUOVO MONDO. Nella prima parte del concerto, Monica PUSTILNIK al liuto rinascimentale e alla chitarra barocca ci porterà in un viaggio dall’Italia al Nuovo Mondo tra il XVI e XVII secolo con “Fantasie, Ciaccone e altre danze”; nella seconda parte, invece, “Suoni di Spagna e America Latina” con Arcopizz Trio, Louis Denis OTT al violino, Veronique SULBOUT e Luc VANDER BORGHT alle chitarre.

Sarà infine la Pieve di Galatrona, la sera di sabato 18 luglio, a ospitare il Concerto e la Festa di Chiusura del Festival con l’esibizione degli allievi del corso, gli ensemble strumentali e la partecipazione dei docenti delle masterclass, ore 21.30.

Il Festival è stato realizzato in sinergia e con la preziosa collaborazione del Comune di Bucine (AR) e rappresenta il punto di arrivo del primo anno dell’Accademia D.I.M.A. – DoReMi International Music Academy di Arezzo, che si è fatta promotrice non soltanto di attività didattiche, artistiche e culturali ma anche Istituzionali miranti allo sviluppo di programmi di promozione culturale con enfasi sul turismo e che creino benefici alle città sedi della rispettiva istituzione, e, soprattutto, alla creazione di un’Ambasciata Culturale itinerante di promozione e rispetto dei Diritti Umani in collegamento con organizzazioni votate alla cura di questi importanti valori.

Il nucleo centrale in cui si svolgerà il Festival è il Centro Interculturale Don Giuseppe Torelli e Museo della Memoria di San Pancrazio, nel Comune di Bucine (AR) che ha sostenuto fortemente l’iniziativa collaborando alla sua realizzazione. Un Luogo della Memoria, rappresentato dal suo roseto da cui il Festival trae ispirazione e il nome, dove s‘incontreranno docenti e 30 allievi (ragazzi e adulti tra i 14 e i 35 anni) provenienti da Arezzo, Cesena, Faenza, Roma ma anche Principato di Monaco, Francia, Spagna, Messico e Russia, per condividere l’esperienza dell’arte e della musica, linguaggi che più di altri hanno a che fare con la memoria e le coscienze individuali.


Fonte: comune di Bucine -
  • Link